Crostate/ Dolci/ Senza categoria

Una Torta per San Valentino. Crostata con Frolla di Farina di Mandorle, Crema pasticcera, Granella di Nocciole , Rose di Mele allo sciroppo di Zucchero e Vaniglia.

La rosa parla di amore silenziosamente,

in un linguaggio che comprende solo il cuore.
(Anonimo)

Manca poco ormai alla giornata degli innamorati…San Valentino .

Ed allora quale miglior occasione per mettersi ai fornelli e creare una torta per il nostro compagno, per una persona a cui si vuole bene o perchè no.. anche per noi stessi.

Ieri avevo voglia di sperimentare un po’ e mi sono messa a creare questa crostata.

La base è una pasta frolla con l’aggiunta di una farina di mandorle.

Il contorno è decorato con una granella di nocciole, il  cuore è una crema pasticcera aromatizzata con la vaniglia.

Il tutto ricoperto da tante rose di mele aromatizzate con uno sciroppo di zucchero e vaniglia.

Un dolce dove la friabilità della frolla si incontra con la modella crema pasticcera.

Il croccante delle nocciole si fonde alla pastosità delle mele. Insomma un dolce da provare …

Siete pronti.?… Procediamo!

 

Stampa
Crostata alla crema con rose di mele
crostata crema mele
Piatto DOLCI
Tempo di preparazione 3 ore
Tempo di cottura 20 minuti
Porzioni
1 crostata da 28 cm di diametro
Ingredienti
Per il contorno della base di pasta frolla
Per la crema pasticcerta
Per le rose di mele
Piatto DOLCI
Tempo di preparazione 3 ore
Tempo di cottura 20 minuti
Porzioni
1 crostata da 28 cm di diametro
Ingredienti
Per il contorno della base di pasta frolla
Per la crema pasticcerta
Per le rose di mele
crostata crema mele
Istruzioni
Per la pasta frolla alle mandorle
  1. Inserire nella ciotola della planetaria la farina setacciata ed il burro freddo a pezzettini. Impastare fino a creare un impasto sabbioso. tutti gli Aggiungere le uova (tuorli e uovo intero), i semi della bacca di vaniglia e lo zucchero a velo. Amalgamare tutto e formare un panetto. Far riposare in frigo per almeno un’ora.
  2. Dopo il riposo stendere la frolla con uno spessore di mezzo centimetro. Se si usa uno stampo a cerniera foderarlo con carta forno e riporre l'impasto creando un bordo alto un 3/4 cm ( visto che conterrà la crema) mentro con lo stampo per crostata con fondo estraibile posizionarla direttamente
  3. Bucherellare con una forchetta la frolla ed infornare a 200 gradi per circa 20 minuti utilizzando il metodo di cottura alla cieca o in bianco (ricoprire la frolla con carta forno e riempire lo stampo con ceci o fagioli secchi) .
  4. Dopo 20 minuti togliere i legumi e la carta forno e far dorare per altri 5 minuti
  5. Completata la cottura, lasciare raffreddare completamente prima di farcirla.
Per la crema pasticcera
  1. Montare 225 gr di tuorlo d’uovo con 225 gr di zucchero, aggiungere i semi della bacca di vaniglia e gli amidi ( 18 gr di amido di mais e 18 gr di amido di riso).
  2. Nel frattempo mettere a bollire latte con la panna. Raggiunto il bollore, unire la montata delle uova al latte.
  3. Fare cuocere per circa un minuto. Mescolare con la frusta e la crema è pronta. Far raffreddare velocemente la crema in un bagnomaria di acqua e ghiaccio coperta da pellicola.
Per le rose cartamellate
  1. Mettere in una pentola un kg di acqua , mezzo kg di zucchero, un bacello di vaniglia tagliato a metà e 5 gocce di colorante rosso (facoltativo) e il succo di mezzo limone (eviterà alle mele di annerirsi)
  2. Portare ad ebollizione
  3. Tagliare a metà la mela e tagliare a fettine sottili con uno spessore di pochi millimetri ( potete utilizzare la mandolina )
  4. Metterle subito nella pentola con lo sciroppo e farle bollire per 2/3 minuti devono ammorbidirsi leggermente. Scolarle e metterle ad asciugare.
Come assemblare il dolce
  1. Sciogliere a bagnomaria il cioccolato bianco,. Prendere la base di pasta frolla.
  2. Con un pennello spennellare il contorno con il cioccolato fuso e ricoprire immediamente con la granella di nocciole.
  3. Riempire la base con la crema pasticcera,
  4. Procedere con la formatura delle rose di mele Prendere 5 fettine di mele (precedentemente sbollentate nello sciroppo di acqua, zucchero e vaniglia) con la buccia rivolta verso l’alto e sovrapporle leggermente uno sopra l’altra
  5. Arrotolarle se stesse, formando cosi' una piccola rosa. Adagiare sulla superficie della crema partendo dall' esterno . Continuare cosi' fino a copertura totale della superficie.
Recipe Notes

Non utilizzate mai la farina per fare la crema pasticcera. Gli amidi di mais e riso gelificano prima, danno più cremosita e struttura alla crema mentre gli enzimi della farina consumano il gel che si forma facendo liquefare la crema

Vi  allego delle foto per aiutarvi nella decorazione

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.